Søren Kierkegaard: seduttore e martire, filosofo e scrittore, esistenzialista ante litteram e teologo ribelle

Ne parlano Stig Dalager e Armando Torno.

Parteciperanno all'evento: Stig Dalager, Armando Torno

Città: Milano

Luogo: Teatro Franco Parenti, AcomeA

Data: Giovedì 21 Aprile

Orario: 19:00

Nel romanzo biografico «L’uomo dell’istante» (trad. Ingrid Basso, Iperborea 2016) lo scrittore danese Stig Dalager racconta la vita di Søren Kierkegaard, un’esistenza estrema e paradossale messa in gioco fino in fondo alla ricerca di un’unità più alta di corpo e spirito, un percorso personale teso e tormentato da cui è scaturito tutto il suo pensiero (dell’edonismo alla vertigine della scelta etica, dall’impossibilità della conoscenza al «salto» nella fede). Proprio a partire da questo intreccio di filosofia e vita Dalager ci offre uno straordinario ritratto di uno dei più grandi filosofi europei, precursore della sensibilità contemporanea, che ha opposto a ogni sistema l’urgenza di sondare l’individuo.
Stig Dalager è romanziere, drammaturgo e poeta, uno dei più tradotti e apprezzati scrittori nordici. Si è affermato anche come autore di romanzi biografici, tra cui si distinguono quelli su Marie Curie e su Hans Christian Andersen, nominato al Premio IMPAC. La sua opera si concentra sulla vita interiore dell’individuo, esplorando in una varietà di contesti le condizioni esistenziali di personaggi comuni o entrati a far parte della Storia.